UIM UIL UIL SERVIZI

AREA RISERVATA


Hai dimenticato la password?
ItalInforma
LIM
terzomillennio.uil.it

Come si finanziano

 Le fonti di finanziamento della previdenza complementare per un lavoratore dipendente sono rappresentate dal:
  • trattamento di fine rapporto;
  • contributo del lavoratore;
  • contributo del datore di lavoro.
L’adesione alla previdenza complementare può avvenire anche soltanto attraverso il conferimento (esplicito o tacito) del TFR senza obbligo, nè da parte dell’aderente nè da parte della azienda, di destinare alla forma prescelta una ulteriore contribuzione a loro carico. Il lavoratore può decidere, tuttavia, di versare, oltre al TFR, ulteriori contributi a suo carico.
Gli accordi o i contratti collettivi possono stabilire che, nel caso il lavoratore decida di contribuire non solo con il TFR ma con ulteriori somme, il datore di lavoro è obbligato al versamento di un proprio contributo nei limiti e secondo le modalità stabilite dagli accordi stessi.
L’eventuale contributo che il lavoratore decide di versare al fondo pensione è calcolato in misura fissa o in percentuale della retribuzione base utile ai fini del TFR (per le forme pensionistiche di carattere collettivo, sono le fonti istitutive a fissare la misura minima del contributo a carico del lavoratore e dell’azienda. Il lavoratore è comunque libero di versare un contributo volontario aggiuntivo).